IMC!


Contenuti


Foto

 







Curiosando...
Novita  Novità Link  Link Blog  Blog English  Español 

Commento e parafrasi alla poesia "Meriggiare pallido e assorto" di Eugenio Montale

Trascorrere le ore più calde della giornata immersi nel torpore e assorti a meditare, vicino a un muro reso rovente dal sole nei pressi di un orto. Ascoltare tra i frutti spinosi dei cespugli e gli arbusti secchi spinosi gli schiocchi dei merli e i fruscii delle serpi. Nelle crepe del suolo o sulla veccia, spiare le file delle formiche rosse, che ora si rompono e ora si intrecciano sulla sommità di minuscoli mucchietti di terra. Osservare tra le fronde del mare il moto lontano delle onde del mare, mentre si levano tremolanti canti di cicale dalle rocce aguzze e spoglie di vegetazione.

E andando nel sole che abbaglia, sentire con triste meraviglia come tutta la vita e il suo travaglio siano come il seguire una muraglia che ha in cima cozzi aguzzi di bottiglia.

Dal punto di vista metrico, la poesia è composta da quattro strofe, delle quali le prime tre sono quartine, mentre l'ultima è composta da cinque versi. I versi sono liberi, e si alternano liberamente endecasillabi, decasillabi e novenari.

Nella II strofa, il settimo verso costituisce un ipermetro, cioè è composto da dodici sillabe, superando così il limite di undici adottato negli altri versi della poesia. La regolarità del metro viene tuttavia ristabilita con il verso successivo, poichè la sillaba in eccedenza nel verso ipermetro si lega alla vocale del verso successivo.

Nella prima strofa, si succedono quattro versi legati tra di loro con un a rima baciata.

Nella seconda strofa, come già detto, la parola "intrecciano" del settimo verso perde la sillaba finale, creando così una rima spezzata con la parola "veccia" del quinto verso. La rima di questa strofa è quindi incrociata.

Nella terza strofa i versi si legano tra di loro ancora con rima baciata

Nella quarta strofa i primi due versi e gli ultimi due sono legati con rima alternata. Tra di essi si inserisce un verso a rima imperfetta.

Questa poesia presenta uno dei temi tipici di Montale: la durezza della vita e il disagio che l'uomo prova nel viverla. Questo disagio è causato dal fatto che l'uomo non è in grado di capire il senso della vita, e quindi essa gli appare arida e negativa. Questa aridità della vita e il disagio dell'uomo costituiscono il tema principale della poesia, e sono espressi in vari modi.

La poesia si apre subito con la presentazione di un paesaggio arido tipico di Montale, il litorale ligure.

Il frequente utilizzo di verbi al tempo infinito, fin dal primo verso, crea una dimensione irreale e quasi fuori dal tempo.

Il poeta colloca nelle ore più assolate del giorno il tempo della poesia, creando subito una atmosfera arida. Infatti, nei versi successivi inizia, a descrivere un paesaggio arido, caratterizzato da piante e frutti spinosi, terreni ricchi di crepe, rocce appuntite e spoglie, tipici elementi caratterizzanti i deserti.

In ciascuna delle prime tre strofe, il poeta presenta sempre sia aspetti del paesaggio naturale, che la vita che si trova in esso. Da un lato vi è il paesaggio naturale arido e scarno, simbolo di una vita a sua volta arida, inutile, senza senso, dall'altro l'attività degli animali, segno degli sforzi faticosi che l'uomo compie per cercare di vivere e combattere la durezza e l'aridità della vita.

Questa vita è rappresentata dagli "schiocchi di merli, frusci di serpi" (v. 4), dalle "[...] rosse formiche/ ch'ora si rompono ed ora s'intrecciano / a sommo di minuscole biche" (vv. 6-8), dai "tremuli scricchi / di cicale [...]" (v. 11-12).

Questa vita è tuttavia faticosa e senza senso, inutile, come esprime l'analogia dei versi 9 e 10: "Osservare tra frondi il palpitare si scaglie di mare". Il mare, accostato al verbo palpitare con una sinestesia, diventa simbolo della vita. L'uomo tenta di comprendere il senso della vita, ma non può, a causa di numerosi ostacoli, rappresentati dal poeta con le fronde degli alberi e con la lontananza di un mare non intero, ma ridotto in scaglie.

La vita è invece presentata come chiusa da barriere, rappresentate dal tema del muro, che ricompare all'inizio e alla fine della poesia, contrapponendosi all'immensità del mare.

Il tema della vita senza senso, incomprensibile all'uomo, e quindi della sofferenza e del disagio che l'uomo prova nel viverla sono riassunti nell'ultima strofa, dove risalta la parola "travaglio" (v.15). Questa infatti non è composta come tutte le altre strofe della poesia da quattro versi, ma da cinque, e la parola "travaglio" è inserita nel verso che occupa la posizione centrale. Inoltre tutti gli altri versi della strofa rimano fra di loro a rima baciata, mentre la parola travaglio è una rima imperfetta, in particolare una consonanza.

In questa poesia, la parola svolge un ruolo morto importante. Per rendere meglio la durezza e l'aridità del paesaggio descritto, Montale utilizza in tutta la poesia numerose allitterazioni con suoni duri e gutturali, come r e t. Ne sono un esempio le parole "schiocchi" (v.4), "scricchi" (v.11), "picchi"(v.12).

Nei primi due versi, "Meriggiare pallido e assorto, preso un rovente muro d'orto, " è presente ad esempio l'allitterazione delle lettere "tr".

Altra allitterazione è costituita dalle lettere "s" e "r" nei versi 3 e 4 : "ascoltare tra i pruni e gli sterpi schiocchi di merli, frusci di serpi".

Un altro esempio di allitterazione si trova nei versi 14 e 15 : "sentire con triste meraviglia / com'è tutta la vita ed il suo travaglio."

Dal punto di vista linguistico, il poeta utilizza un linguaggio scarno ed essenziale, attraverso parole molto precise, che definiscono inequivocabilmente un oggetto. Questo linguaggio si adatta bene a esprimere l'aridità del paesaggio descritto. Ne sono un esempio parole come "pruni" (v. 3), "sterpi" (v. 3), "veccia" (v. 5), "minuscole biche" (v. 8), "scricchi" (v. 11).

L'utilizzo di una terminologia precisa contribuisce a creare una poesia ricca di oggetti concreti, che assumono nel contesto un significato simbolico.

Seguendo l'intenzione di utilizzare termini precisi per descrivere la realtà, il poeta utilizza molti vocaboli onomatopeici per rendere i suoni del paesaggio che sta descrivendo, come "schiocchi di merli, frusci di serpi" (v.4), "palpitare [...] di mare" (vv. 9-10).







Commenti

1 - AnonimoMar 08 Apr 2014 - 19:24:27  

Discreto


2 - lavieen_roseMar 04 Giu 2013 - 10:01:45  

ci sono molte informazioni utili ma è molto disordinata.. grazie comunque!


3 - AnonimoVen 26 Apr 2013 - 17:52:55  

qttwdcstfweeeyuniolpògcgfkmgf j,òlf,jgh,


4 - AnonimoVen 26 Apr 2013 - 17:51:01  

oooo a
sac' ch'o' vuo' oooooooo eeeeeee sn


5 - AnonimoVen 26 Apr 2013 - 17:51:00  

oooo a
sac' ch'o' vuo' oooooooo eeeeeee sn


6 - AnonimoVen 26 Apr 2013 - 17:49:57  

a botta a cabin lettieraaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa


7 - AnonimoVen 26 Apr 2013 - 17:49:34  

eeeeeeeeeeeeeeee


8 - AnonimoMer 17 Apr 2013 - 16:47:10  

ma dai è carino il commento ma non è il massimo. Non bisogna criticare le persone come fanno le cose ognuno scrive ciò che PENSA


9 - AnonimoDom 07 Apr 2013 - 16:23:43  

è disordinato


10 - LorenzoVen 15 Mar 2013 - 20:04:26  

Non no. Vedasi quarto capoverso dell'articolo: informazione errata.
Il settimo verso di "Meriggiare" non è ipèrmetro, ma semplicemente "endecasillabo sdrucciolo". E, ancorché si volesse applicare l'anasinalefe tra la sillaba "no" di "s'intrecciano" e la preposizione "a" del verso successivo, quest'ultimo rimarrebbe sempre un decasillabo, così:
-no a sommo di minuscole bische
Nessuna compensazione, dunque! E poi è noto che la poesia e composta da decasillabi e da endecasillabi
Il mio consiglio è: ripassarsi la metrica!
Salutoni.


11 - AnonimoMer 06 Feb 2013 - 18:26:39  

E FATTO MALISSIMO


12 - AnonimoLun 04 Giu 2012 - 19:33:56  

questo è un sito very pezzotto!!
chiedo scusa a colui k lo ha creato!!
ma ognuno deve esprimere la propria opinione, questo è un paese libero!!


13 - AnonimoLun 04 Giu 2012 - 19:28:46  

scusatemi,ma che razza di commenti fate?? o.O?
e comunque alcuni termini della parafrasi sono errati.. ù.ù
baci & abbracci anonimo<3


14 - AnonimoSab 02 Giu 2012 - 11:24:47  

Non mi piace andate su altri siti please questo commento fa cagare


15 - AnonimoMar 29 Mag 2012 - 21:12:09  

Bello!!


16 - AnonimoMar 29 Mag 2012 - 18:51:08  

very good


17 - AnonimoSab 05 Mag 2012 - 10:28:03  

Bella...........;....................: )


18 - AnonimoVen 04 Mag 2012 - 14:49:30  

QUESTO........COMMENTO........E......BELLISIMO :> XDXDXDXDXDXDXDXDXDDXDXDXDXDXDDXDXDXDXDXDXDXDXDXDXD


19 - AnonimoVen 04 Mag 2012 - 14:47:43  

HELLO E BELLISIMO QUESTO COMMENTO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!IERI HO PRESO 10 XDDDDDDDDDDDD,XDDDDDDDDDD,XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDDD


20 - AnonimoVen 04 Mag 2012 - 14:41:10  

XD


21 - TIZIOVen 04 Mag 2012 - 14:38:44  

BELLA E UTILISSIMA:)!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!1


22 - AnonimoVen 04 Mag 2012 - 14:36:52  

UTILE:) MA BRUTTA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!


23 - AnonimoGio 19 Apr 2012 - 16:59:35  

non ci capisco niente... voglio muorire... odio la mia vita...


24 - AnonimoMer 18 Apr 2012 - 19:32:33  

si come no?


25 - AnonimoMer 18 Apr 2012 - 18:47:29  

mi è servito parecchio però si dovrebbe mettere in ordine


26 - senza nomeMar 13 Mar 2012 - 19:04:12  

sn il re dei rimorchiatori dx


27 - AnonimoDom 11 Mar 2012 - 17:12:09  

merda totale!!! blahh k schifo,cmq compro la cacca di panda!! u.u


28 - AnonimoSab 10 Mar 2012 - 12:14:37  

fa schifo!


29 - AnonimoVen 24 Feb 2012 - 15:04:22  

nn mi è servito x nnt nn l'ho letto...U.U


30 - AnonimoMar 03 Gen 2012 - 15:19:39  

ma e una merda


31 - AnonimoSab 03 Set 2011 - 17:08:48  

ACCCATTTAAAPPPPAAAARRRRààààààààààà


32 - AnonimoMar 05 Lug 2011 - 20:53:29  

si gode...mi è servito parecchio :D


33 - AnonimoMer 08 Giu 2011 - 16:45:30  

MMMMMMMMMM CACCA DI PANDA CHE BUONO


34 - AnonimoDom 05 Giu 2011 - 11:00:31  

bravi mi è stato molto utile grazie


35 - AnonimoDom 05 Giu 2011 - 10:39:51  

bravi mi è stato molto utile grazie


36 - AnonimoMer 25 Mag 2011 - 18:41:13  

cacca di koala gratis per tutti


37 - AnonimoMer 25 Mag 2011 - 18:40:24  

cacca di panda per tutti gratis


38 - AnonimoLun 02 Mag 2011 - 18:17:58  

si è carino ma non eccellente


39 - AnonimoLun 02 Mag 2011 - 18:16:17  

vab piu o meno


40 - AnonimoSab 19 Feb 2011 - 16:07:17  

bravi


41 - AnonimoMer 23 Giu 2010 - 11:50:58  

secondo me questa poesia è bellissima perchè oltre ad avere una musicalità non indifferente è molto simbolcia .


42 - AnonimoLun 07 Giu 2010 - 12:17:40  

troppe ripetizioni, il contenuto c'è ma è da rifare


Scrivi un commento

Pui scrivere quì sotto un commento all'articolo che hai appena letto. Non sono abilitate smile, immagini e link. La lunghezza massima del commento è 4000 caratteri. La buona educazione è benvenuta, tutti i commenti offensivi saranno cancellati.

Your comment (lascia bianco!):
Utente (max 25 caratteri, obbligatorio)
Sito web (max 255 caratteri, facoltativo)
e-Mail (max 255 caratteri, facoltativa, non sarà pubblicata) Your opinion (lascia bianco!):
Commento (max 4000 caratteri, obbligatorio):





Valid HTML 4.01 Transitional
E-Mail - 50.87 ms

Valid HTML 4.01 Transitional