IMC!


Contenuti


Foto

 







Curiosando...
Novita  Novità Link  Link Blog  Blog English  Español 
Recensione e giudizio dei piatti per batteria Ufip Tiger

Prima di parlare dei miei piatti vorrei premettere che, a mio parere, i gusti dei batteristi in questo campo sono i più svariati, e il giudizio su un modello è decisamente soggettivo e legato al genere e alla cultura musicale. C'è chi addirittura, pur avendo molta esperienza e un'ottima preparazione tecnica, preferisce piatti economici, ma con un suono particolare. Se vi state chiedendo chi sono, e quale sia la mia esperienza nel sunare la batteria, vi rimando a questa recensione, in cui parlo di me e della mia batteria: Recensione - Giudizio della piatti Basix Neon.

La serie Ufip Tiger
Quando, nel Settembre 2007, ho comprato la mia attuale batteria, ho scelto di acquistare separatamente i piatti. Il mio budget era limitato, e volevo spendere intorno ai 150 - 200 euro. La mia scelta è caduta sulla serie Tiger della italiana Ufip (http://www.ufip.it), per un po' di sano patriottismo, per l'estetica particolare, e perchè mi sembrava avere un buon rapporto qualità-prezzo. Da notare la colorazione striata con varie tonalità di arancione e giallo, che da un tocco particolare al modello (un po' tamarro, direi... :-) ), e la lavorazione fatta parzialmente a mano.

Hi-hat: Ufip Tiger da 13'' a 113 euro da Ebay. Mi piacciono molto, hanno un suono ricco e pieno. Fantastici sia con charleston chiuso, che nei giochi di apertura e chiusura, che aperti. Davvero quello che cercavo. Forse il suono non ha la bellezza di altri modelli ben più raffinati e costosi, ma sicuramente il rapporto qualità-prezzo è ottimo.

Crash: Ufip Tiger da 14'' a 63 euro da Ebay. Un po' deludente. Forse perchè leggermente più spesso e un po' più piccolo di un crash classico, ha un suono troppo cupo, che ricorda un ride, con pochi alti. Un po' effetto "gong", insomma. Questa peculiarità può essere vista anche come un pregio: la campana del ride (la parte bombata più vicina al centro) ha un suono vicino a quello di un ride, e si può pensare, come faccio spesso io, di utilizzare questa zona come "surrogato" della campana di un ride. Sicuramente è sbagliato dire che questo piatto possa essere usato sia come ride che come crash, ma per certi suoni può essere, talvolta, un utile sostituto del suo gemello più grande.

Ride: non l'ho comperato, per cui non posso darne un giudizio.

Alcune foto






Fatal error: Call to undefined function sqlite_open() in /membri/giacobbe85/include/commenti.inc.php on line 324