IMC!


Contenuti


Foto

 







Curiosando...
Novita  Novità Link  Link Blog  Blog English  Español 
PELASGI ED ELLENI

Tra i numerosi miti greci, molti sono dedicati agli eponimi, cioè a quegli eroi o divinità dai quali prendono nome luoghi o popoli. Anche il nome di Pelasgi e quello di Elleni sono spiegati con un mito.

Si narra che Eurimone, la "Dea di tutte le cose", ebbe come figlio primogenito Pelasgo, che emerse dal suolo dell' Arcadia, seguito da altri uomini, il popolo dei Pelasgi, ai quali egli insegnò a costruire capanne, nutrirsi di ghiande e vestirsi con pelli animali.

Con questo mito i Greci vogliono quindi sottolineare l' antichità dell' Arcadia e l' arretratezza dei Pelasgi, evidenziando il senso di superiorità che le popolazioni indoeuropee avevano nei loro confronti.

Un' altra leggenda narra invece della nascita del popolo greco. I successori di Pelasgo offesero Zeus, uccidendo e cibandosi di un loro compagno. Zeus allora decise di distruggere tutto il genere umano con un diluvio, ma il Titano Prometeo avvisò il figlio Deucalione, che con la moglie Pirra si rifugiò all' interno di un' arca, salvandosi. Quando il diluvio cessò, Deucalione e Pirra erano gli unici esseri umani rimasti sulla terra, ma, lanciando dietro di sè delle pietre che si trasformavano in esseri umani, fecero rinascere il genere umano. Il primogenito, Elleno, si stabilì in Tessaglia, dove ebbe tre figli. Il maggiore, Eolo, fu il capostipite del popolo degli Eoli. Il secondo, Xuto, ebbe due figli, Acheo e Ione, dai quali discesero gli Achei e gli Ionici, e dal più giovane, Doro, discesero i Dori.

Derivando da un antenato comune, Elleno, i Greci chiamarono se stessi Elleni e la Grecia Ellade. Questa concezione di popolo unico, però, si sviluppò lentamente, a partire dal VII secolo, quando vennero elaborati questi miti.





Commenti

Nessun commento presente!

Scrivi un commento

Pui scrivere quì sotto un commento all'articolo che hai appena letto. Non sono abilitate smile, immagini e link. La lunghezza massima del commento è 4000 caratteri. La buona educazione è benvenuta, tutti i commenti offensivi saranno cancellati.

Your comment (lascia bianco!):
Utente (max 25 caratteri, obbligatorio)
Sito web (max 255 caratteri, facoltativo)
e-Mail (max 255 caratteri, facoltativa, non sarà pubblicata) Your opinion (lascia bianco!):
Commento (max 4000 caratteri, obbligatorio):





Valid HTML 4.01 Transitional
E-Mail - 59.12 ms

Valid HTML 4.01 Transitional