IMC!


Contenuti


Foto

 







Curiosando...
Novita  Novità Link  Link Blog  Blog English  Español 

Europa, la bella fanciulla e il dio-toro

Secondo la mitologia greca, la bellissima Europa era figlia del re di Tiro o Sidone, Agenore. Un giorno, mentre si trovava in riva al mare, Zeus la vide e, attratto dalla sua bellezza, le si presentò trasformato in toro dall'aspetto mansueto. La fanciulla, rassicurata dal suo aspetto calmo, gli salì in groppa, e subito Zeus volò via a Creta, dove, dalla loro unione, nacquero Radamante, Sarpedonte e Minosse, dal quale ebbe origine una dinastia che regnò a lungo sull' isola. Abbandonata da Zeus, Europa sposò il re dell' isola. Quando nacque un litigio tra i fratelli per il potere sull' isola, Europa si trasferì in Licia, in Asia Minore, con il figlio Sarpedonte. Alla sua morte, ricevette onori divini ed il toro entrò a far parte delle costellazioni dello zodiaco.

Il mito di Europa è legato ad un culto molto antico presente nel Mediterraneo, in zone come la Grecia arcaica ed il Vicino Oriente, mito che esaltava il toro come simbolo di fecondità e adorava il Sole. I Fenici consacrarono al toro addirittura la loro prima lettera dell'alfabeto. Ma il culto del toro era presente soprattutto a Creta, dove l' animale è anche protagonista della leggenda del Minotauro, generato da Minosse e Pasifae, figlia del Sole. Probabilmente poi il dio toro ed il Sole furono gradualmente sostituiti dagli dei ellenici, in particolare da Zeus.

Dubbia è invece l' origine del nome Europa. Inizialmente gli studiosi ritenevano che il nome derivasse dal semitico ereb, che significa tramonto, poichè per i popoli orientali l' Europa corrispondeva al punto in cui tramonta il sole.

Oggi si crede che il nome abbia origine greca. Esso probabilmente deriva dall' unione di due parole: eurùs, esteso, e ops, termine poetico per sguardo, occhio. Da qui nacque probabilmente il termine europòs, che aveva vari significari per i greci, tra cui una fanciulla "dai grandi occhi " e forse anche una terra assai "estesa".

Il mito di Europa ebbe largo seguito nel mondo romano e greco e fu soggetto di molte opere d'arte e di testi scritti. Tramite la tradizione scritta, la leggenda fu trasmessa sino al Medioevo, che però la riadattò alla morale cristiana eliminando gli dei e gli episodi pagani. Così per Lattanzio e Girolamo, Europa venne rapita dai cretesi, per Boccaccio da un potente signore di Creta chiamato Giove, con navi che avevano vele raffiguranti un toro.

Il mito venne utilizzato, come molti altri, per fornire insegnamenti cristiani. Così ad esempio le spiagge della Fenicia dove passeggiava Europa rappresentavano la vita terrena, mentre Creta la vita spirituale. Europa è l' anima che passa dalla vita terrena alla vita spirituale tramite l' intervento del Toro, cioè Cristo.

A partire poi dal Rinascimento, il mito riacquistò il suo aspetto pagano e divenne nuovamente fonte di ispirazione per numerosi artisti ed autori.





Commenti

1 - AnonimoMar 17 Dic 2013 - 18:38:36  

scemo


2 - AnonimoMar 09 Apr 2013 - 13:33:57  

ambarabaciccicoco


Scrivi un commento

Pui scrivere quì sotto un commento all'articolo che hai appena letto. Non sono abilitate smile, immagini e link. La lunghezza massima del commento è 4000 caratteri. La buona educazione è benvenuta, tutti i commenti offensivi saranno cancellati.

Your comment (lascia bianco!):
Utente (max 25 caratteri, obbligatorio)
Sito web (max 255 caratteri, facoltativo)
e-Mail (max 255 caratteri, facoltativa, non sarà pubblicata) Your opinion (lascia bianco!):
Commento (max 4000 caratteri, obbligatorio):





Valid HTML 4.01 Transitional
E-Mail - 15.48 ms

Valid HTML 4.01 Transitional